Sicilia, divieto di legalità.

In riferimento al voto Siciliano (consentitemi l’ultima considerazione e non ci torno più su) al di la di quello che i vari Di Maio, Di Battista e Grillo stanno dichiarando in questi giorni, molti stanno sottovalutando un aspetto importante: su 70 consiglieri regionali, Musumeci ne porta a casa 36 e cioè il minimo indispensabile, quello che in epoca romantica veniva definito il classico  50% + 1. Questo significa che mai nessuno si dovrà ammalare, che gli eletti dovranno “faticare” (il virgolettato è d’obbligo) a mantenere sempre alto il numero delle presenze in aula visti i numeri risicati ed il pericolo di finire sotto con un blitz e soprattutto dovranno badare bene a non finire in galera e questa sarà un’impresa molto ardua visto che di questi 36, ben 18 sono inquisiti, condannati o per lo meno compromessi sotto il profilo della legalità.

Allora siccome vi voglio far divertire si, ma pure riflettere, ecco di seguito il “Dream Team” dell’ARS, tutti gli impresentabili eletti del presidente:

I FANTASTICI 18 DELLA CONSILIATURA MUSUMECI

1)Antonello Rizza, 22 capi d'imputazione in 4 processi;
2) Giambattista Coltraro, rinviato a giudizio per falso;
3) Marianna Caronia, indagata per corruzione;
4)Santi Formica, condannato per danno erariale;
5) Cateno De Luca, indagato per il "sacco di Fiumedinisi" (speculazione edilizia), chiesti 5 anni;
6) Giuseppe Gennuso, indagato per truffa aggravata;
7) Giuseppe Clemente, condannato 1° grado per corruzione elettorale;
8)Giuseppe Federico, rinviato a giudizio per falsa testimonianza;
9) Pippo Sorbello, a processo per voto di scambio;
10) Francesco Salone, indagato per truffa;
11) Gaetano Cani, rinviato a giudizio per estorsione;
12) Luigi Genovese, figlio di Francantonio, condannato in 1° grado a 11 anni nell'ambito dell'inchiesta sulla formazione professionale;
13) Roberto Corona, condannato in 1° grado a 3 anni per fideiussioni facili;
14) Santino Catalano, ha patteggiano la pena per falso e abuso d'ufficio;
15) Giusy Savarino, suo padre fu condannato per tentato abuso d'ufficio e voto di scambio. Recentemente è arrivata la condanna della Corte dei Conti;
16) Riccardo Pellegrino, fratello di Gaetano, arrestato nel 2014, ritenuto vicino al Clan dei Carcagnusi (mafiosi catanesi)
17) Mario Caputo, fratello di Salvino, deputato decaduto. dell'ARS. L'ex parlamentare cercò di far cancellare multe a esponenti politici ed ecclesiastici;
18) Ernesto Calogero ex consigliere provinciale è stato arrestato nel 2009 nell'ambito dell'operazione Atena, inchiesta sulla compravendita di diplomi scoppiata a Gela, e condannato nel febbraio 2017 in primo grado a quattro anni.

Se mettiamo da parte l’ironia dei siciliani che hanno mandato questi delinquenti a rappresentarli, resta il fatto che dureranno da Natale a Santo Stefano. Appena ne arresteranno uno, verrà giù tutto il castello di carte. 

A presto.

Questa voce è stata pubblicata in Blog. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *