Tutti Rosatellum col culo degli altri

Nell’indifferenza generale si sta approvando a Roma l’ennesima legge elettorale che manderà in Parlamento un esercito di nominati. Tuttavia in questo particolare momento storico, il Rosatellum ha un disegno ben preciso: garantire l’ingovernabilità.

Il fatto che la legge stia passando a colpi di fiducia con ampio scarto anche al Senato, dove dopo l’uscita dei Bersaniani dalla maggioranza i numeri sono molto più risicati, mi convince sempre di più che tutto faccia parte di un copione già scritto.

Il silenzio di Salvini su questa vicenda è assordante, proprio lui che è uno dei più acerrimi avversari del Governo oggi tace, concedendo i suoi strali verso altre situazioni, disertando il Senato in massa per non partecipare al voto.

Cosa fai Salvini? Perché li guardi e non favelli? 

Eppure deve essere chiarissimo anche a lui che un quarto d’ora dopo le elezioni Forza Italia flirterà  col PD che come prima cosa si libererà di Renzi dopo il voto.

E poi?

Governo di “unita nazionale” col culo degli italiani! La maggioranza degli elettori italiani avrà votato un partito che gli ha promesso un governo che non si farà e grazie ai tromboni dei media che ce lo faranno passare come un favore, gli dovremo dire pure grazie!

Allucinazioni della politica italiana.

Il prossimo governo sarà uno scherzo della natura, una forma corrotta di coalizione sul modello tedesco dove sulla regola del magna magna verrà istituito un sistema odioso che avrà il solo compito di perpetuare il sistema.

Ieri la soluzione era Renzi, il giovanile, il volto bello, il piacione amico di tutti, quello tutto “amore/cuore/sole”. A causa della sua cialtroneria ha fallito e l’esito catastrofico del  referendum ha messo fine alla sua parentesi. Il prossimo personaggio protagonista della prossima opera da teatro dell’assuro chi sarà?

Un’idea ce l’ho e potete farvela anche voi se guarderete la luna e non il dito, ma avete un po’ di tempo per meditare. Vi dirò nelle prossime puntate a chi sto pensando.

Ad majora, anzi, in malora…

Questa voce è stata pubblicata in Blog. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *